Trust: un film che fa riflettere. Avete voglia di condividere la vostre riflessioni?

download (32)Vorrei proporre un film che credo meriti di essere visto perchè ha suscitato in me molte riflessioni: il film in questione è “Trust” di D. Schwimmer, opera drammatica a carattere psicologico che tratta un argomento molto delicato e troppo spesso poco affrontato.
 
Il film parla di Annie, la protagonista quattordicenne, che conosce un coetaneo in chat, del quale si innamora. Purtroppo, però, dall’altra parte dello schermo non c’è chi ci si aspetta: quando decidono di incontrarsi, all’appuntamento Annie scopre che è un uomo molto più grande di lei. Delusa e confusa, la ragazza non sa cosa fare, ma l’uomo riesce a manipolarla a tal punto da portarla in un motel e abusare di lei.
 
E’ un film molto forte, che parla del rapporto abusante-abusato, della reazione della vittima di fronte alla violenza e di quella dei genitori alla scoperta dell’accaduto. Interessante, inoltre, perchè credo che tratti una forma di violenza ancora davvero troppo sottovalutata: la manipolazione psicologica. Le forme di abuso più diffuse sono proprio queste, consumate da persone vicine alle vittime, di cui ci si fida.
 
E voi, l’avete visto? Cosa ne pensate? Mi piacerebbe condividere con voi delle riflessioni sul film e sulle tematiche trattate.
 
Dott.ssa Annabell Sarpato
Annunci

2 Risposte

  1. Ti ringrazio per questa indicazione, il film non l’ho visto e lo vedrò, inoltre, dato l’argomento, lo proporrò in sede di cineforum che da alcuni anni propongo nella mia associazione. Ciao

  2. maria giuseppina Lo iudice |Rispondi

    Non ho visto il film, mi piacerebbe vederlo, personalmente credo che la manipolazione psicologica sia oggi diffusissima anche in altre situazioni ad esempio familiari, esistono soggetti uomini o donne che riescono a manipolare psicologicamente il patners, i figli, annullandone la personalità, spesso si tratta di soggetti che apparentemente sembrano narcisi ma che fondamentalmente hanno serie problematiche mai risolte (anche di origine familiare); la soluzione, sperare che la vittima apra gli occhi e trovi la forza di ribellarsi e qui subentra la forza del proprio carattere, il proprio vissuto e l’autostima di ogni individuo che è fondamentale. L’augurio é che nella vita ci siano sempre meno vittime e gente sempre più equilibrata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: