Archivi della categoria: Notizie

Embrione impiantato nel grembo sbagliato: l’incredibile storia che divide l’opinione pubblica

ImmagineNe hanno parlato tutti i media: l’incredibile storia dell’embrione impiantato nel grembo materno sbagliato. L’errore sembra dovuto a due cognomi simili, che hanno portato alla terribile situazione.

Entrambe le coppie rivendicano i gemellini, la contesa sembra inevitabile.

La situazione è estremamente complessa e delicata. Sembra mancare una legislazione per casi come questi, ma dal punto di vista etico e morale? Come potrebbe evolvere la storia? Quali riflessioni possono emergere da situazioni di questo tipo?

Per conoscere la vicenda completa potete leggere l’articolo completo cliccando qui.

 

 

Annunci

Mamma e figlia si ritrovano dopo 27 anni: la storia di Burger King Baby

ImmagineEra stata abbandonata a poche ore di vita nel bagno di un fast food della catena Burger King: è la storia di Katheryn Depril, ventisettenne della Pennsylvania, che proprio per la sua storia fu soprannominata dai media Burger King Baby.

Ma il desiderio di conoscere la madre biologica era troppo grande, e per questo decise di affidare a Facebook la sua richiesta: “Voglio che lei sappia che non sono arrabbiata – dice la ragazza – però ho tante domande da farle. Aiutatemi a trovarla“. E così è stato: poche settimane dopo le due donne si sono incontrate e hanno potuto raccontarsi le loro reciproche vite. La madre biologica racconta di aver subito violenza durante un viaggio all’estero all’età di 16 anni, e di aver tenuto nascosta la gravidanza ai genitori, per poi lasciare la piccola in un posto dove sarebbe stata certamente trovata.

Per leggere l’articolo completo cliccare qui.

 

Istigata al suicidio sui social: quattrodicenne si getta dal tetto di un albergo abbandonato

images (75)Un’altra notizia di quelle terribili: suicida a 14 anni, istigata dalla rete. E’ la storia di Amnesia, il nickname con cui si faceva chiamare sul web, che cercava supporto, ma che invece ha trovato ben altro. Il social di cui si parla ha già alzato numerosi dibattiti e polemiche: si tratta di Ask.fm, un sito con più di 60 milioni di utenti, in cui in maniera anonima di possono porre domande e rispondere ai quesiti posti da altri iscritti. Alle frasi di Amnesia, alle immagini da lei postate di braccia tagliate, si possono leggere frasi come “Ucciditi”, “Non sei normale, curati. Nessuno ti vuole, nessuno”. Ed è così che Amnesia si è buttata nel vuoto, da un vecchio albergo abbandonato.

I genitori, disperati, si chiedono cosa sia potuto succedere. Inquietante l’ultimo scambio di messaggi con il ragazzo con cui aveva iniziato a uscire da qualche tempo. Alla frase “Ti preso, non potrei più vivere sapendo che non ci sei più perchè non sono riuscito ad amarti abbastanza” del ragazzo, lei ha risposto”Sai quanta gente resterà con questo peso…”.

Tratto da Corriere.it.

31 gennaio a Castelletto Ticino: “Quando mamma e papà si separano: come parlare di separazione ai figli”

volantino giorgioCari Amici,

eccoci per invitarvi ad un appuntamento molto importante. Venerdì 31 gennaio l’associazione Il Sorriso, alle ore 21.00 presso l’ex Cinema Impero, sito in via Roma, a Castelletto Ticino (No) ha organizzato una serata intitolata “Quando mamma e papà si separano: come parlare di separazione ai figli“, dove tratteremo l’attuale tema della separazione coniugale, affrontandolo da un punto di vista spesso trascurato: quello dei bambini.

L’incontro, aperto a professionisti, genitori e a tutti coloro le persone interessate, mira a sensibilizzare e a diffondere una cultura atta a promuovere il benessere dei bambini durante questa complessa transizione familiare.

L’ingresso è libero e ai docenti verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

Cosa aspettate, sarete dei nostri? 🙂

Dott.ssa Annabell Sarpato

Dott.ssa Alessandra Cornale

Arrivati a casa dall’ospedale, cambiano il pannolino della loro bimba e…scoprono che è un maschietto. La brutta avventura di quattro genitori di Lecce

ImmagineE’ una di quelle notizia che fa venire la pelle d’oca. Uno degli incubi più terribili di ogni genitore.

E’ successo, a Lecce, nell’Ospedale di Santa Caterina Novella di Galatina: sono stati scambiati due neonati. Per fortuna, è durato poco: arrivati a casa, al momento del cambio pannolino, i genitori si sono accorti che a posto della loro bimba era stato dato loro un maschietto, e viceversa.

I genitori hanno denunciato l’Asl e chiesto un risarcimento, dato che per lo choc la mamma avrebbe perso il latte.

Per leggere l’articolo completo cliccare qui.

Un’esperienza davvero terribile. E voi, cosa ne pensate?

Primo Codice di Autoregolamentazione per il contrasto del cyberbullismo: come consultarlo?

images (67)Spesso, anche in questo spazio, abbiamo parlato di cyber-bullismo, anche riportando tragici casi di cronaca che hanno visto protagonisti giovani vittime.

Da oggi è stato fatto un passo avanti: è stata approvata la bozza del primo Codice di Autoregolamentazione per il contrasto di questo fenomeno. Esso, infatti, prevede che gli operatori della Rete si impegnino ad attivare specifici meccanismi per segnalare episodi di cyberbullismo. Questi devono essere ben visibili, semplici e diretti, al fine da fungere da strumenti utili per tutti coloro che si trovano in queste situazioni.

Si può consultare il codice per 45 giorni sul sito del Ministero, all’indirizzo http://www.sviluppoeconomico.gov.it .

Nuova sorpresa e nuovi progetti: a breve su un nuovo territorio

images (55)Carissimi lettori,

stiamo arrivando con una nuova sorpresa. Con Dicembre lo staff di “Separazione e divorzio: dalla parte dei bambini” sarà felice di condividere con voi un progetto a cui stiamo lavorando da tempo. Ci stiamo muovendo su un territorio nuovo, proponendo diverse attività, sempre legate al tema dell’infanzia, dell’adolescenza e della genitorialità, in collaborazione con una splendida Associazione e ai suoi collaboratori.

Continuate a seguirci e presto vi sveleremo di cosa si tratta 🙂

Dott.ssa Annabell Sarpato

Dott.ssa Alessandra Cornale

Intraprese una coraggiosa battaglia per la giustizia della figlia: condannata ai lavori forzati

images (39)Ebbe la colpa di difendere la figlia, per questo fu rinchiusa in un “lajiao”, un campo di lavoro forzato. E’ successo a una donna, Tang Hui, madre di una bimba di 11 anni che nel 2006 fu rapita, violentata e costretta a prostituirsi: da lì a iniziato la coraggiosa battaglia per avere giustizia, denunciando i sette autori materiali del terribile gesto ed un gruppo di poliziotti, che, secondo lei, avevano tentato di coprire i delinquenti. Proprio per queste ultime accuse, la madre fu condannata a 18 mesi in un campo di lavoro per “aver gravemente turbato l’ordine sociale”, ma fortunatamente fu liberata una settimana dopo per le proteste che ne seguirono.

Ad oggi Tang Hui ha ottenuto un risarcimento di 326 euro per danni psicologici, ma non le scuse formali.

Per leggere l’articolo completo cliccare qui.

Il Giorno della Memoria: per non dimenticare

Oggi, 27 Gennaio, ricorre il “Giorno della Memoria“, in cui l’Italia e il mondo intero ricorda la terribile vicenda dell’Olocausto e le vittime del nazifascismoLa scelta di tale data è dettata dalla coincidenza con la liberazione del campo di concentramento di Auschwitz, avvenuta nel 1945.

Su RaiNews potete trovare servizi e speciali dedicati a questa triste storia della pagina mondiale.




Lascia in macchina i figli e si impicca: lo trova il bambino di sei anni

Sfogliando il giornale, una notizia ci ha profondamente colpito.

A Modica, in provincia di Ragusa, un uomo di 36 anni si è suicidato impiccandosi ad un albero. Il tragico gesto era stato meditato da giorni: l’uomo aveva prelevato i suoi due figli da scuola e, insieme, si erano recati nelle campagne del paese, dove l’uomo aveva detto loro che si sarebbe allontanato per fare dei bisogni. E’ stato il figlio di sei anni a trovare il corpo senza vita del padre: il bambino, infatti, era preoccupato per il suo mancato ritorno. I due bimbi, spaventati e infreddoliti, sono stati trovati in macchina.

Mille riflessioni e mille pensieri vengono alla mente. Voi cosa ne pensate?




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: